GRAFISMI DI LUCE
Suggestioni del paesaggio
Fotografie di STEFANO CIOL
14 – 30 APRILE 2017
GALLERIA LIBRERIA BORAGNO

VIA MARLIANI – BUSTO ARSIZIO (VA)

Orari visita: venerdì, sabato e domenica 15-19 – Ingresso libero

CHIUSO DOMENICA 16 APRILE 2017 PASQUA

 
 

STEFANO CIOL La fotografia di paesaggio è una forma di pellegrinaggio, scegliamo di raggiungere un luogo. Lo esploriamo, lo confrontiamo con le nostre conoscenze, credenze, e con la storia e la natura profonda del luogo. Alla fine, siamo arricchiti da questo processo, e la visualizzazione Ë una parte importante di questo arricchimento.
Penso che la parte migliore del lavoro di Stefano Ciol sia la capacità di rendere chiari questi meccanismi. Esso ci rende più consci della natura visiva di una natura alla quale tutti apparteniamo. Come conseguenza automatica, ciò dovrebbe renderci più rispettosi di ciò che ci circonda, più attenti a tutto ciò.
La tecnica può diventare arricchimento visivo, e questo può trasformarsi in meditazione sulla natura delle cose.
La libertà creativa rappresenta davvero una strada molto lunga. (testo d Fabio Amodeo)

Stefano Ciol, erede di una dinastia di fotografi, affianca al lavoro professionale la ricerca personale. Un’opera continua di aggiornamento tecnologico lo porta a incrociare le tecniche tradizionali con quelle più recenti e avanzate allo scopo di perfezionare la corrispondenza tra la propria visione e l’immagine finale.
Questo processo trova piena evidenza nel controllo delle tonalità della sua fotografia di paesaggio in bianco e nero, rilettura in chiave contemporanea di un genere che affonda le proprie radici nella storia stessa della fotografia.
Vive e lavora a Casarsa della Delizia.